CROSTATA DI CAROTE E RICOTTA

giovedì 26 novembre 2009



Meravigliosa crostata a base di due dei miei ingredienti preferiti, la ricotta e le carote.

Dopo aver provato almeno venti volte a tirare la sfoglia e imprecato in tante di quelle lingue che manco a Babele (Alex, consolati, non sei sola) ho deciso di stendere l'impasto direttamente dentro lo stampo con i polpastrelli quindi la base è venuta più cicciotta del previsto.
Non per questo la crostata è rimasta ad attendere in credenza.


CROSTATA DI CAROTE E RICOTTA:
dal numero di ottobre 2009 di 'Sale e Pepe':

260 gr. di farina
250 gr. di ricotta
200 gr. di zucchero
75 gr. di burro
2 uova
1 tuorlo
mezza bustina di zucchero vanigliato
150 gr. di carote pelate e grattugiate
sale q.b.

Riunire nel mixer lievito e 200gr. farina setacciati, unire 125 gr. di zucchero, un pizzico di sale e il burro freddo a dadini. Impastare fino a ottenere delle briciole.
Aggiungere un uovo e impastare fino a raggiungere una palla soda.
Lasciar riposare in frigo per mezz'oretta.
Lavorare bene la ricotta, aggiungervi le carote grattugiate, lo zucchero rimasto, 50 gr. di farina, l'uovo, il tuorlo e amalgamare fino a ottenere un composto omogeneo.
Stendere la pasta su una spianatoia infarinata e rivestire fondo e bordi di uno stampo del diametro di 20cm. Bucherellare il fondo della pasta con una forchetta e riempire con il composto di ricotta e carote.
Livellare e cuocere in forno già caldo a 180°C per 40 minuti nella parte bassa del forno.

Pubblicato da Mariù a 17:16  

42 commenti:

Questa torta "carotta" ha un aspetto magnifico, checché ne dica tu... :-)
Buona serata, Mik

Mimmi ha detto...
26 novembre 2009 18:03  

Sì, l'aspetto è magnifico, fa proprio venire voglia.

Mela ha detto...
26 novembre 2009 18:53  

squisita!

marsettina ha detto...
26 novembre 2009 18:59  

meravigosa tesoro!!mi sa che tela copio perche anch'io adoro ricotta e carote e poi deve essere morbidissima!!!baci imma

dolci a ...gogo!!! ha detto...
26 novembre 2009 19:04  

mariù.... mai pensato alla sfoglia già pronta in rotoli????? :-DDDD io ho deciso che non posso più litigare con le sfoglie e le brisee..... è troppo comoda trofarla già pronta in rotoli!!!
si, lo so, pessima cuoca sono!
ciao mariù!!!! un bacione

ps: com'è andata la ricerca dell'ossobuco?

Babs ha detto...
26 novembre 2009 19:07  

Che meraviglia! Anch'io adoro questi due ingredienti...
Complimenti ai tuoi polpastrelli ;-)
un bacio :-)

pagnottella ha detto...
26 novembre 2009 20:00  

Poveri polpastrelli!!
Però n'è valsa la pena, no?
Ma senti, hai mai provato la tecnica del bicchiere? Dopo aver steso la pasta con i polpastrelli, la premi (sia la base che i lati) con un bicchiere dal fondo piatto. Io così ho fatto il cheesecake con la base di biscotti sbriciolati l'altro ieri...
Un bacio grande!

Konstantina ha detto...
26 novembre 2009 20:32  

di torte di carote in giro se ne vedono tante, ma in una crostata, e con la ricotta proprio non le avevo mai viste. Bella idea! (E aspetto magnifico!)Anche io quando c'è un tipo di sfoglia che non riesco a tirare o a trasportare senza romperla la stendo già nello stampo usando il bicchiere :)

Sara ha detto...
26 novembre 2009 20:42  

Carota e ricotta non li ho mai gustati insieme in un dolce, ma siccome mi piaccione entrambi mi copio immediatamente la ricetta!
Bel blog, a presto

Milla ha detto...
26 novembre 2009 21:05  

anch'io fino a poco fa la stendevo come te la frolla... poi d'improvviso, ho pensato che doveva pur esserci un modo per fare una crostata decente senza angoli troppo ciccioni e allora... dai dai, basta insistere un pò!!! Baci!

iana ha detto...
26 novembre 2009 21:42  

Questa torta di carote sì che è bella, non è la solita, poi è pure con la ricotta, gnam gnam!

Tania ha detto...
26 novembre 2009 23:19  

E io che credevo che fosse una preroativa della frolla senza glutine! Sono felice che anche le frolle glutinose (o si dice glutinate???) sono difficili da stendere, così quando farò la frolla non mi sentirò l'unica nella torre di Babele! Questa mi sembra la versione assolutamente della crostata ricotta e nutella che faccio io! Da provare!

fantasie ha detto...
26 novembre 2009 23:23  

Oh Mariù, meno male che ci sei! E alla faccia! Questa crostata è una vera meraviglia!

Virginia ha detto...
26 novembre 2009 23:30  

Ma se e' una meraviglia!!!
Polpastrelli o no, questa e' una crostata che vorrei avere sul tavolo al mattino.
Aspetto casalingo, rassicurante, coccoloso.
Evvaii :-)

CorradoT ha detto...
26 novembre 2009 23:35  

PS - Ma non e' che adesso sparisci ancora?
Credo di parlare per tutti dicendo che andremo in crisi di astinenza.....

CorradoT ha detto...
26 novembre 2009 23:36  

ecco mariù, tu mi vuoi male
io non sono una da dolci, preferisco il salato millemila volte, ma tu mi proponi sempre queste ricettonze "sane e casalinghe" che io ingrasso solo a fare la spesa!

quando vai in mozambico?

desperate.viz ha detto...
27 novembre 2009 01:54  

Ciao Mariù!
Arrivo dal blog di Alex: virtualmente le sono grata per aver potuto scoprire questo tuo spazio, vivace e ben curato :)
Dò una bella occhiata...
Buon fine settimana, a presto!

wenny

Wennycara ha detto...
27 novembre 2009 09:53  

@Mimmi: No, no, non mi lamentavo dell'aspetto, è solo che volevo che la base fosse più sottile, diciamo un esile contenitore per il ripieno. Invece é venuta bella cicciona, lo spessore del ripiano e della base erano quasi uguali. Comunque buonissima, garantito. Un bacione!

@Mela, marsettina: Grazie.

@Imma: Lo è. E poi l'accostamento di questi due ingredienti è delicatissimo e se come me li ami entrambi sai cosa intendo. Provala!
Un bacione!

@Babs: Ma questa è una frolla! La sfoglia la compro già pronta anch'io, la brisee mi tocca farla da quando vivo in Germania perché qua quella pronta non esiste ma la frolla no, cascasse il mondo non mi piego a quella pronta... Niente ossobuco, sono (e saranno) giorni di cene fuori. In ogni caso niente paura, l'altro giorno era solo in offerta ma lo si trova sempre, per fortuna quello non è una rarità... e il tuo risotto è tra i primi della lista. Baci!

@pagnottella: La prossima volta però devo riuscirci col mattarello!

@Konstantina: No, non ho mai provato ma è una buona idea.
Il punto è che certe frolle funzionano, altre no. Ho fatto una crostata di ciliege l'altro giorno e la frolla si tirava che era una meraviglia, questa invece un disastro. Me lo ricorderò la prossima volta che mi ritrovo con una frolla simile. Grazie e un bacione!

@Sara: L'idea non è stata mia ma di 'Sale&Pepe'... lo prenderanno come un complimento!

@Milla: Grazie e benvenuta!

@iana: In alcune crostate addirittura mi piacciono di più la base spessa e i bordi ciccioni, in altre (soprattutto quelle con frolla sopra e sotto) bisogna che sia sottile. In ogni caso credo dipenda dalla ricetta, alcune mi vengono benissimo e si stendono facilmente, altre sono un inferno... tipo questa. Tu come hai fatto? Dai, svelaci questo segreto!!

@Tania: Per me questi ingredienti insieme sono il nonplusultra!
Baci!

@fantasie: No, non ti preoccupare, siamo in tante ad avere questo problema anche se certe ricette, devo dire, funzionano meglio di altre. Mi mandi il link della tua crostata nutella/ricotta? Devo provare!!!!

@Virginia: Ci sono, nell'ombra, saltuariamente ma ci sono. Grazie cara!

@Corrado: Hai usato tutti i termini giusti. Sul tavolo delle nostre mattina però ci è stata proprio poco questa crostata... Vedrò di non sparire del tutto, maledetti occhiali permettendo. Grazie, sei carinissimo!
Un bacione e buon weekend!

@desperate.viz: Anch'io preferisco il salato e quando preparo i dolci sono quasi sempre di questo tipo... abbiamo gusti simili.
Si parte a fine dicembre e si torna quasi a fine gennaio... non vedo l'ora!!! Mi fai un corso accelerato di portoghese?

@Wennycara: Grazie mille e benvenuta!! Mi fa piacerissimo che tua sia passata...
Niente da fare, se avessi un'azienda Alex sarebbe la mia capo PR, garantito. Un bacione!!

Mariù ha detto...
27 novembre 2009 11:42  

A me l'idea della frolla cicciotta piace un sacco, anzi: qualsiasi sia il ripieno, la base rimane sempre la mia parte preferita, quindi più ce n'è e più sono contenta!!! Se poi la guarnizione è a base di questa crema morbida e resa solare dal colore allegro delle carote, ci vado a nozze!!!

Onde99 ha detto...
27 novembre 2009 12:21  

@Onde99: Sono come te, una matta per i carboidrati: pasta, pizza, il bordo della crostata!
Però diciamo che, se fatta a regola d'arte -e non solo per noi amanti delle basi!- dovrebbe avere, in proporzione, meno base e più ripieno cremoso.
Buon weekend!
m.

Mariù ha detto...
27 novembre 2009 12:27  

Ciao Mariù, questa crostata è una vera tentazione. Da fare subito.
Sei sempre brava, mi piacciono tutte le tue ricette.
Un bacio. Virginia

virgikelian ha detto...
27 novembre 2009 15:34  

complimenti ti è venuta benissimo si è proprio una vera tentazione bisogna anche essere bravi a sapere cogliere le ricette migliori che si vedono

Gunther ha detto...
27 novembre 2009 16:09  

MA hai cambiato look?
o sono io fuori di testa!
Bello. Mi piace il look e la ricetta!
brava!

Gaia ha detto...
27 novembre 2009 18:42  

è spettacolare !!!

FairySkull ha detto...
27 novembre 2009 19:03  

Sarà pure cicciotta ma è simpaticissima! Ha il colore e il sapore (vabbè non ho assaggiato) di cose di casa coccolose e sane. E poi è anche originale.
Bacioooni e buon fine settimana!

dada ha detto...
27 novembre 2009 21:24  

oooo due sono i trucchi fondamentali.
uno è schiaffare la pasta nel frigo per almeno 12 ore stracatafottendosene delle 3 ore consigliate.
sarà dura ma se la lavori un pò diventa malleabile quel tanto che basta per stenderla sottile sottile.
il secondo è tagliare dal blocco di cemento delle fettine sottili e incollarle con le dita nei punti di giunzione come hai fatto tu, ma se tagli le fettine sottili viene facilissimo.

enza ha detto...
28 novembre 2009 08:11  

Io sono per le frolle cicciotte... il ripieno ricotta e carota deve essere molto buono, non l'ho mai provato ma penso che prenderò in prestito la tua idea!

Gloria ha detto...
28 novembre 2009 09:35  

MAH! Tanta pratica e se trucco c'è è solo la decisione... non aver paura, prendila e schiaffala nello stampo, un pò come girare la frittata! ;)

iana ha detto...
28 novembre 2009 22:34  

Malgrado la grande fatica direi che ti è perfettamente riusciuta!! Complimenti, deve avere un sapore delicato ed invitante!!

sally ha detto...
29 novembre 2009 12:08  

Tu non puoi capire quanto bestemmio io in cucina, manco gli scaricatori del porto.. :-)))
Magnifica crostata, ne è valsa la pena!
Baci e buona domenica

Rossa di Sera ha detto...
29 novembre 2009 15:34  

devo assolutamente provare questo abbinamento! è davvero splendida! complimenti!

Federica ha detto...
29 novembre 2009 21:27  

@virgikelian: Grazie Virginia, grazie mille, davvero.

@Gunther: Diciamo che bisogna selezionare, se avessi tutto il tempo del mondo non sai quante altre ne farei! Grazie!

@Gaia: No, è sempre quello!

@FairySkull: Grazie!

@dada: Coccolosa di sicuro. Proprio tanto. Grazie, un bacione e buon weekend anche a te!

@enza: Proverò la prossima volta! Quando saranno passate le 12 ore di sicuro non avrò più voglia di fare dolci o semplicemente me ne dimenticherò, lascerò la pasta a marcire in frigo e quando mi accorgerò che è viva e parla sette lingue ricomincerò a imprecare.
Scherzo.... ci provo di sicuro. Grazie mille cara!

@Gloria: In effetti è strano che due ingredienti così comuni e spesso usati nei dolci non vengano quasi mai usati insieme.
Prova, prova, è davvero buona buona!

@iana: Ehm, in effetti non sono mai stata una professionista nel girare la frittata...

@sally: Sì, dai, qualche imprecazione ma ce l'abbiamo fatta!

@Rossa di Sera... Ehm, conosco il fenomeno, ahah... Buona serata anche a te!

@Federica: Grazie! Provalo, carota e ricotta stanno benissimo assieme!

Mariù ha detto...
29 novembre 2009 22:30  

Grande Mary, l'ho provata in versione mignon con gli scarti che avevo in frigo ed è venuta una bomba! Grazie.
A proposito, spinto dal tuo mi sono messo anch'io a scrivere su un blog, ma che poi maschietti.
Un bacio dalla nebbia. Felix

felix ha detto...
1 dicembre 2009 10:44  

Grandeeeee.....
Dopo il mio risotto alla carota adesso posso fare anche la crostata alla carota!!!
Me felice!
nasi nasi aranciotti

miciapallina ha detto...
1 dicembre 2009 15:27  

quello della pasta stesa con le dita e' lo stesso che usa la mia mamma :))
Per chi (come me) nelle crostate ama quasi piu' la crosta che il ripieno questo non nuove affatto al godimento!
Ricotta e carote, un abbinamento da segnare :)

Ciboulette ha detto...
1 dicembre 2009 18:14  

Ciao!!!Girovagavo in rete e sono capitata qui da te...attratta dalla tua meravigliosa crostata!!!Adoro anch'io tantissimo la ricotta e le carote!!!Complimenti
A presto

marifra79 ha detto...
1 dicembre 2009 23:35  

Ciao Mariù, mi piace l'idea di una crostata di carote. Un solo quesito: non trovo le dosi di lievito... quanto ne serve? Grazie e a presto
Sabrine

sabrine d'aubergine ha detto...
2 dicembre 2009 18:33  

@Felix: Un grande.

@miciapallina: Ma dai!! Vediamo, vediamo! Dove lo trovo questo risotto?

@Ciboulette: Per alcune crostate il metodo polpastrelli funziona pure meglio! Qua secondo me una sfoglia più sottile ci stava...

@marifra79: Grazie mille!

@sabrine d'aubergine: Niente lievito, non ci vuole!

Mariù ha detto...
2 dicembre 2009 18:44  

Interessante la farcia di ricotta e carote :))
Prova a stenderla tra due fogli di carta forno ....
In ogni caso una frolla cicciotta non è un male ....

lenny ha detto...
2 dicembre 2009 22:16  

Mariù il Risarancio è stato oggetto da pochissimissimo di un post!

http://lagatteria.blogspot.com/2009/10/il-risarancio-che-mette-allegria.html

Capirai! Quando ho visto la tua crostata ho fatto le capriole!
Mi immagino già un bel pranzo tutto arancione!

Il Risarancio....

Una Bourguignon come secondo ( http://viadellerose-miceli.blogspot.com/2009/12/bourguignon-ovvero-manzo-al-cioccolato.html )

Un contorno di carote saltate con la crosticina dorata....

La tua torta come dolce!

E si! che l'arancio mette allegria e di questi tempi una buona iniezione ci vuole proprio!

nasinasi

miciapallina ha detto...
3 dicembre 2009 09:09  

@lenny: Devo assolutamente provare questa tecnica dei due fogli di carta da forno, non sei la prima a suggerirmela e da sola non ci avrei mai pensato!
Grazie mille!

@miciapallina: Stupendo! Io un po' di tempo fa ne ho fatto uno al melone (il risultato cromatico è lo stesso), nel tema arancione rientra alla grande!
Un bacione!

Mariù ha detto...
7 dicembre 2009 12:10  

Complimenti per la ricetta, è buonissima questa crostata!
Saluti da Silandro Val Venosta, Tina

Tina ha detto...
15 giugno 2016 15:43  

Posta un commento